venerdì 21 dicembre 2012

Avremmo potuto (fingendo che sia davvero la fine del mondo)



Potrebbe essere il rimpianto a tenerci in pugno, a stringerci fra le spalle quando ormai, ricurvi e fragili, mal sopporteremo i giorni che verranno. Potrebbe essere un vago senso di rammarico, per l'incapacità a perseverare nel cercare di evitarlo ogni giorno della vita. Uno, forse di più ma di certo uno.  Quell'uno, quello in particolare, ricacciato perchè troppo sogno o troppo perfetto o troppo dolente.  Riposto nel segreto di un cassetto, fra la spiga di lavanda, i fazzoletti ricamati della nonna e le certezze, sì, fra quelle certezze che avranno scelto per noi. Le stesse che,  certamente, ci chiuderanno  gli occhi.

Anto



1 commento:

  1. Sotto questo significativo post voglio augurarti un sereno Natale che tu lo possa passare fra gli affetti più cari.
    Un abbraccio Vilma

    RispondiElimina

scripta manent

IL LUPO