SISSI A SPASSO TRA I SASSI

giovedì 16 febbraio 2017

Ritratti di Vladimir Dunjic


“Un occhio può minacciare come una pistola carica, oppure può insultare come sibili o calci nel suo stato d’animo alterato, essere un fascio di gentilezza. Può rendere il cuore danza di gioia… Una delle cose più belle in natura è lo sguardo dell’occhio; trascende le parole; è il simbolo corporeo dell’identità”


Ralph Waldo Emerson






























Vladimir Dunjic è un pittore serbo nato a Cacak nel 1957.

Si è laureato alla facoltà di Belle Arti col prof. Mladen Srbinovic in 1981.

E' stato membro dell'ULUS, associazione serba di Belle Arti, dal 1982

Ha preso anche parte a molte esposizioni da solo o in gruppo, sia in Yugoslavia che altrove.

Vive e lavora come artista free lance a Belgrado.



Sito ufficiale: http://vladimirdunjic.com/veils/


Nessun commento:

Posta un commento

scripta manent

Eugenio Montale





Non chiederci la parola


Non chiederci la parola che squadri da ogni lato
l'animo nostro informe, e a lettere di fuoco
lo dichiari e risplenda come un croco
perduto in mezzo a un polveroso prato.



Ah l'uomo che se ne va sicuro,
agli altri ed a se stesso amico,
e l'ombra sua non cura che la canicola
stampa sopra uno scalcinato muro!



Non domandarci la formula che mondi possa aprirti,
sì qualche storta sillaba e secca come un ramo.
Codesto solo oggi possiamo dirti,
ciò che non siamo, ciò che non vogliamo.

Lettori fissi

Followers

J.W. GOETHE

J.W. GOETHE
Si dovrebbe, almeno ogni giorno, ascoltare qualche canzone, leggere una bella poesia, vedere un bel quadro, e, se possibile, dire qualche parola ragionevole. Johann Wolfgang Goethe

L'isola di E'riu

Nei ciuffi smeraldo, fiorisce il rosso, poi, l'azzurro e il bianco; come zaffiro, perla e splendido ricamo.


William Shakespeare

IL LUPO