EQUILIBRIUM

http://coltisorderai.blogspot.ro/
Nelle città senza Mare, chissà a chi si rivolge la gente per ritrovare il proprio equilibrio: forse alla Luna ... **************************************(Banana Yoshimoto)**************************************

Translate

mercoledì 27 giugno 2012

Dove sono finite le lucciole?


La prima cosa era la scuola che finiva, la seconda  il permesso di uscire dopo cena. L'estate era semplicemente questo,  insieme al brillare magico delle lucciole. Cercarle era l'estate dei miei ricordi. Un misto fra una naturale sensazione sgradevole, in fondo erano insetti e non li adoro, ed una gioia magica che nasceva da quella curiosa, intermittente luminescenza. Era un piacere unico correre in mezzo a loro. Erano così tante che a pensarci oggi sembra impossibile. Con la ingenua cattiveria dei bambini, le cercavamo come prede ambite. Chi le schiacciava tra le dita o sulle braccia, per fare suo quel luccicore e chi, come me, le infilava dentro ad un bicchiere per illuminare  una notte insonne cercando di capire chi, al mattino, le liberasse in cambio di un soldino.

                                             Filastrocca della lucciola

A gambe nude
l'estate correva
tra i campi di grano
e spargeva
come stelle cadute
le maghe innamorate

Le segnava il destino
di una vita breve
per una sola notte
amare lo sposo
dentro ad un bicchiere


2 commenti:

  1. Torno anche io bambina con questi versi. Proprio ieri passeggiavo in aperta campagna e come facevo da bambina ho preso una lucciola tra le mani che si chiudevano in una specie di caverna dentro la quale osservavo quella luce...che emozione pensare al passato, ai giochi di bambina a quando bastava poco per essere felice.
    Un abbraccio Anto e complimenti per i tuoi versi che arrivano sempre al cuore

    RispondiElimina
  2. Vilma... Io non le trovo piu le lucciole.

    RispondiElimina

scripta manent

IL LUPO

LE MIE POESIE SUL BLOG

LE MIE POESIE SUL SITO "SCRIVERE"

Followers