EQUILIBRIUM

http://coltisorderai.blogspot.ro/
Nelle città senza Mare, chissà a chi si rivolge la gente per ritrovare il proprio equilibrio: forse alla Luna ... **************************************(Banana Yoshimoto)**************************************

Translate

giovedì 14 marzo 2013

Umberto Saba 9 Marzo 1883

Il 9 Marzo del 1883 è nato Umberto Saba. Fra i più grandi poeti italiani del '900. Non aderì mai alle correnti letterarie più diffuse nella sua epoca, e mantenne uno stile personale a cui rimase sempre fedele. La sua opera più illustre è sicuramente "Il canzoniere" che fu pubblicato nel 1948. L'opera è scritta come un lungo poema autobiografico che mostra l'evoluzione artistica del poeta.



Voi lo sapete, amici, ed io lo so.
Anche i versi assomigliano alle bolle
di sapone: una sale e un’altra no.
(Da Commiato)













                                             
 FELICITA'

La giovanezza cupida di pesi
porge spontanea al carico le spalle.
Non regge. Piange di malinconia.
Vagabondaggio, evasione, poesia,
cari prodigi sul tardi!
Sul tardi l'aria si affina
ed i passi si fanno leggeri.
Oggi è il meglio di ieri,
se non è ancora la felicità.
Assumeremo un giorno la bontà
del suo volto, vedremo alcuno sciogliere
come un fumo il suo inutile dolore.


LA FOGLIA

Io sono come quella foglia - guarda -
sul nudo ramo, che un prodigio ancora
tiene attaccata.

Negami dunque. Non ne sia rattristata
la bella età che a un'ansia ti colora,
e per me a slanci infantili s'attarda.

Dimmi tu addio, se a me dirlo non riesce.
Morire è nulla; perderti è difficile.

UN RICORDO

Non dormo. Vedo una strada, un boschetto,
che sul mio cuore come un’ansia preme;
dove si andava, per star soli e insieme,
io e un altro ragazzetto.

Era la Pasqua; i riti lunghi e strani
dei vecchi. E se non mi volesse bene
pensavo e non venisse più domani?
E domani non venne. Fu un dolore,
uno spasimo verso la sera;
che un’amicizia (seppi poi) non era,
era quello un amore;

il primo; e quale e che felicità
n’ebbi, tra i colli e il mare di Trieste.
Ma perché non dormire, oggi, con queste
storie di, credo, quindici anni fa?

INVERNO

È notte, inverno rovinoso.
Un poco sollevi le tendine, e guardi.
Vibrano i tuoi capelli, selvaggi,
la gioia ti dilata improvvisa l'occhio nero;
che quello che hai veduto
- era un'immagine della fine del mondo -
ti conforta l'intimo cuore, lo fa caldo e pago.
Un uomo si avventura per un lago
di ghiaccio, sotto una lampada storta.

AMAI

Amai trite parole che non uno
osava. M'incantò la rima fiore
amore,
la più antica difficile del mondo.
Amai la verità che giace al fondo,
quasi un sogno obliato, che il dolore
riscopre amica. Con paura il cuore
le si accosta, che più non l'abbandona.
Amo te che mi ascolti e la mia buona
carta lasciata al fine del mio gioco.

SERA DI FEBBRAIO

Spunta la luna.
Nel viale è ancora
giorno, una sera che rapida cala.
Indifferente gioventù s'allaccia;
sbanda a povere mete.
Ed è il pensiero
della morte che, infine, aiuta a vivere

LA CAPRA

Ho parlato a una capra.
Era sola sul prato, era legata.
Sazia d'erba, bagnata
dalla pioggia, belava.

Quell'uguale belato era fraterno
al mio dolore. Ed io risposi, prima
per celia, poi perché il dolore è eterno,
ha una voce e non varia.
Questa voce sentiva
gemere in una capra solitaria.

In una capra dal viso semita
sentiva querelarsi ogni altro male,

2 commenti:

  1. Davvero rilevante questo elaborato, che si sofferma sulla grandezza poetica di un notevole autore italiano.
    Ho apprezzato molto il tuo scrivere, che mette in evidenza l'espressività
    di versi importanti, letti con molto interesse.
    Vivi uno splendido giorno, un abbraccio,silvia de angelis

    RispondiElimina
  2. Molto belle queste poesie di Umberto Saba...molto intime.
    Il 9 marzo sono nate persone speciali... :)
    ciao Anto

    RispondiElimina

scripta manent

IL LUPO

LE MIE POESIE SUL BLOG

LE MIE POESIE SUL SITO "SCRIVERE"

Followers